Un punto di domanda svelato

 

Nell'incontro che si è tenuto in Umbria dal 5 al 7 marzo scorsi c'è stata la presentazione ufficiale del
calendario attività 2010 dell'associazione e, quindi, il viaggio "in incognito" è stato rivelato.
Premettiamo subito che, volutamente, l'orientamento della mappa non era esatto. L'itinerario è correttamente raffigurato nell'immagine di destra.
 

                       
 

Il gioco ha suscitato molto interesse e, non ci nascondiamo, è quello che si voleva.
Le risposte che ci sono arrivate fanno trapelare che in tanti abbiano dedicato del tempo per cercare la soluzione ma, in fondo, si siano divertiti.
Ne riportiamo tre, tra le tante.
 

"Fatte le debite proporzioni (1 cm sulla carta = 125 km c.a. reali), supposto che l’orientamento sia esatto, che il punto più a Ovest sia nella Baviera, quello più a Nord nella Polonia, quello più a Est nell’Ucraina e quello più a Sud nella Romania, l’itinerario (visto in senso orario…) potrebbe !!!!! essere questo:

Italia (Vicenza – Brennero)
Austria
Germania
Rep.Ceca
Germania
Polonia
Ucraina
Moldavia
Romania
Ungheria
Austria
Italia (Tarvisio - Vicenza)"

 

"Il viaggio, che chiamerei dei due mari, prevede la foce del Danubio sul Mar Nero attraverso la Romania, successivamente si costeggia il Mar Nero passando per Odessa fino a Sebastopoli; si procede poi verso nord attraverso l'Ucraina e la Polonia per raggiungere le coste del Mar Baltico; la costa, su cui si trova Danzica, detta costa dell'ambra, ci porta a percorrere una penisoletta (che non mi ricordo come si chiama) dove si trova una bella duna; si torna poi a casa passando per Berlino, Dresda, Praga. I percorsi in battello sono: sul Danubio, sul suo delta, sul Mar Nero per raggiungere l'isoletta dove è sepolto il conte Vladi; le strade sterrate sono in Romania e nel parco a nord della Polonia dove si possono anche vedere gli ultimi bisonti in Europa; idem per i percorsi in carretto.
Alcune integrazioni: la penisola con la duna si chiama Palanga, le strade sterrate sono in Crimea, il viaggio in battello è lungo il fiume Dnepr con ritorno ai camper in treno."

 

"Quel punto interrogativo sul viaggio di agosto stuzzica la nostra curiosità. Ho molto pensato e fantasticato, sono partita dall'Azerbaigian perché i confini corrispondono al disegno, sono arrivata in Irlanda e in Islanda poi mi sono fermata a ragionare un attimo: ci dai lo schizzo di un percorso, non di una meta, ci dai una durata del viaggio e una lunghezza a medio raggio. Escludendo la Moldovia e la Romania già meta di un altro gruppo, partendo dalle nostre zone non possiamo che andare a nord. Inoltre parli di battello non di traghetto. E allora via verso la Germania: carrozza e cavalli e strade bianche? a Fussen. Il treno? per lo Zugspitze. Il battello? passeggiata sul Reno. E poi su verso Berlino, Praga, Budapest e la pustza ungherese... NON sono forse 4700 km?"


Come avete letto, risposte molto interessanti ed argomentate e con qualche elemento giusto.

Ma veniamo alla soluzione, partendo da alcuni degli indizi che erano stati dati.
 Il battello sarà utilizzato per percorrere un tratto del canale tra Elblag e Ostroda;
 il carro trainato da cavalli ci porterà a visitare il Parco di Bialowieża che ospita il grande bisonte europeo;
una passeggiata a piedi ci condurrà fino al Lago Morskie Oko (Occhio di Mare), sui Monti Tatra vicino a Zakopane;
percorreremo la "Strada del Lupo", non asfaltata come altri tratti tra i vari villaggi delle cicogne;
il treno ... no, questo rimane un punto di domanda, una sorpresa per chi deciderà di scoprire insieme a noi la Polonia.

Siccome di gioco di trattava, gioco è stato fino in fondo, compreso il "ricco" premio costituito da uno scrigno colmo di
monete di cioccolato ricoperte di stagnola dorata, perle e pietre preziose, rigorosamente finte.
E' stato effettuato il sorteggio tra le due risposte esatte e la premiazione è avvenuta a Gualdo Cattaneo,
 durante la presentazione delle nostre attività previste per il corrente anno.

... e la solidarietà continua a viaggiare in camper!

 

 

chiudi